L’odissea: un viaggio nei misteri dell’evoluzione umana

La narrazione delle peripezie di Ulisse ci rende partecipi del cammino di caduta e di risalita dell’uomo che, in solitudine, si avvia coraggiosamente verso la sua Patria: la libertà. Divinità, luoghi, popoli e personaggi si avvicendano in un intreccio di avventure di cui è interessante scoprire il significato nascosto, gli aspetti artistici, culturali, religiosi che ne emergono. L’autore propone un’avvincente e realistica interpretazione di questo poema, da cui si ricava un quadro veritiero della storia dell’uomo.

 

E’ uscita la nuova edizione di ‘La vita dopo la morte’: un libro più vivo che mai

scarica il pdf del libro

Con la ‘La vita dopo la morte‘ – tratto da un convegno di Pietro Archiati di 8 anni fa – più che leggere un libro, si fa un’esperienza. E’ un pò come aprire una finestra su ‘altre stanze’, le stanze dove sono andati tutti quelli che hanno lasciato il piano fisico, e passo dopo passo, seguirli nel percorso che compiono, e che tutti compiamo, dopo la morte. Dai primi tre giorni – quando vediamo squadernarsi davanti a noi il quadro possente e simultaneo di tutta la nostra vita in immagini -, al kamaloca, luogo dove la ‘brama che non si è consumata letteralmente si brucia’, si arriva in sfere sempre più rarefatte, in cui l’anima dissolve la soggettività per raggiungere il piano dei valori oggettivi. Il dopo-morte viene presentato nella sua concretezza, come un percorso luminoso, luminosissimo, e l’atto del morire come ‘l’atto metafisicamente più costruttivo del proprio essere, e della propria coscienza’. In questa prospettiva, scopriamo che i morti non solo vivono ancora – e forse più di noi –  ma ci accompagnano attivamente, lavorando ai regni della Terra per costruire le condizioni per le incarnazioni future. E non c’è soltanto la morte fisica, quella che pone fine alla vita sulla Terra: c’è anche la morte quotidiana, che sperimentiamo quando inanelliamo un’omissione dietro l’altra, perdendo opportunità per diventare sempre più pensanti, sempre più amanti, sempre più liberi. La morte è dunque inserita, fin dall’inizio, nel nostro piano di vita. E’ una spada a doppio taglio, che possiamo vivere come un limite oppure per quello che è: l’occasione più bella che abbiamo per risorgere al nuovo, una continua Pasqua di risurrezione.

La redazione di questo libro è stata costellata da eventi che si sono svolti al di qua e al di là della soglia del mondo fisico: ringraziamo  Mirko, che dai mondi spirituali ci ha ispirato per l’immagine della nuova copertina.

E’ arrivata la ristampa di ‘Angeli all’opera’

Pubblicato nell’agosto scorso, questo prezioso testo sull’evoluzione dell’Uomo tra la Terra e il Cosmo è stato apprezzato al punto da dover essere ristampato – a nemmeno un anno di distanza dalla sua uscita. Le numerose richieste che abbiamo ricevuto potranno finalmente essere esaudite: da questa settimana è disponibile la ristampa di  ‘Angeli all’opera’

Noi siamo per così dire germogliati da quel che fu seminato nel passato. Ma vediamo emergere dinnanzi a noi l’intero orizzonte del futuro, e nel corso del nostro tema dovremo parlare anche delle forze operanti nel futuro. «Mondo, Terra e Uomo» non sono, infatti, solo passato, la Terra ha ancora un pezzo di futuro che l’aspetta. Se vogliamo conoscere tutto l’uomo, non dobbiamo osservare solo il passato e il presente, ma anche quello che agirà nel futuro.”   Rudolf Steiner, dalla prima conferenza

Ristampe – di nuovo disponibili 4 libri che erano esauriti

Per rispondere a tante persone interessate, abbiamo confezionato le ristampe lievemente rivedute di quattro libri: due libri di Rudolf Steiner e due di Pietro Archiati. Chi li leggerà, ma anche chi li ri-leggerà, potrà riscontrare quanto sono attuali: le conferenze agli operai contenute ne Il coraggio della libertà nella vita sociale sono quasi un urlo insopprimibile, rivolto al mondo affinchè si osservi “(…) la vita sociale nella sua realtà spirituale” per vedere “(…) come ovunque nascano i germi da cui si formano  le ulcerazioni sociali“, e trovarne i rimedi.

Il fenomeno uomo” contiene, dal canto suo, undici conferenze fondamentalissime in cui Steiner parla con grande umanità della realtà oggettiva del Cristo risorto, al di là delle speculazioni avanzate dalla scienza o dalla teologia. Ogni giorno spuntano fra i successi editoriali teorie sempre più fantasiose sulla vita di Gesù, ma accanto a queste versioni storiografiche più o meno attendibili, esiste un’indagine spirituale sul significato della resurrezione, che l’uomo può integrare concretamente nella sua vita quotidiana, per diventare sempre più consapevole del mistero dell’esistenza.

RUDOLF STEINER

“Il fenomeno uomo”                                                               “Il coraggio della libertà nella vita sociale”

Il fenomeno uomo - cover Il coraggio della libertà - cover

PIETRO ARCHIATI

Arrivederci alla prossima vita - cover

“Arrivederci alla prossima vita”

“(…) in un futuro lontano, magari, forse in un’altra vita: ma di sicuro dovrà fare su di  sé la piena esperienza di ciò che ha inflitto ad altre persone. Solo un uomo che abbia interiorizzato  questa profonda convinzione potrà trovare la  forza di non compiere azioni disumane(Pietro Archiati)

Il pensiero via maestra alla felicità - cover

Il Pensiero, via maestra alla felicità

(…) Ogni volta che pensa, l’uomo è pura luce nel suo spirito”.(Pietro Archiati)

Ristampe

E’ disponibile, fresco di ristampa,

CHE  COSA NE SARÀ DI MIO FIGLIO?  e  L’EDUCAZIONE PER L’UOMO   Per un’educazione alla libertà e all’amore

Due conferenze rispettivamente del 1916 e 1922, dedicate ai giovani insegnanti. Attraverso esempi chiari e concreti, Steiner pone le fondamenta della pedagogia delle scuole Waldorf. L’elemento artistico viene messo in primo piano come componente indispensabile in una educazione consapevole del ruolo determinante svolto dall’insegnante nello sviluppo di ciascun bambino. Un insegnante che studia il carattere di ciascun alunno non programma né prevede in anticipo l’andamento globale dell’anno scolastico, ma si orienta e decide ciò che man mano ritiene meglio. Un ideale pedagogico che ha a cuore il fine morale dell’essere umano – e a questo lo prepara, con amore – è meritevole della più ampia diffusione

E’ in arrivo il secondo volume sull’Apocalisse

Una edizione interamente riveduta, affascinante nei suoi contenuti, fondamentale per capire il senso dell’evoluzione. Una delle più  alte testimonianze dell’amore divino per l’Uomo, che tramite le immagini dell’Apocalista può, se lo vuole, comprendere sempre meglio le leggi che stanno alla base di sé stesso e del cosmo. Grazie ai numeri, che regolano la vita  – le dieci parti costitutive dell’uomo, i settenari che scandiscono i ritmi delle epoche terrestri, il tre volte 6, i cicli di 2160 anni – e ai simboli  descritti nelle visioni – il leone, il libriccino nella mano dell’Angelo, la donna e il drago – l’Uomo si accosta al linguaggio dell’Apocalista, che  è venuto a portargli la buona notizia: il posto che l’amorevole disegno divino ha previsto per lui è quello del Figlio. Non servo ubbidiente, ma libero, creativo, spiritualmente attivo. E tramite il costante evolvere del suo pensare, l’Uomo può decidere di guadagnare ogni giorno di più il suo posto, diventando sempre più autonomo, ricolmo di amore, ricco di talenti,  e affrancarsi dal ruolo di tutela paterna svolto sinora dalle religioni. Oppure –  e la scelta sta all’uomo  e solo a lui-, omettere la propria pienezza, e scendere là dove l’esercizio della libertà non è più possibile: al livello della bestia. Questo è l’unico, vero sigillo, che nell’Apocalisse non può essere sciolto: perché è lasciato alla libertà dell’Uomo.

Il primo compito che abbiamo nei confronti dell’Apocalisse è quello di capirla, e il secondo, naturalmente, è quello di realizzarla, cioè di realizzare le possibilità evolutive che vi sono descritte...” (Pietro Archiati, nella 1a conferenza)

Uscita la ristampa de “L’arte dell’incontro”

Con una nuova veste grafica vi riproponiamo un libro di Pietro Archiati molto richiesto e apprezzato per l’attualità dei contenuti. Ringraziamo una nostra appassionata lettrice per aver contribuito alla realizzazione dell’immagine di copertina.

Incontrojpg

Quale magia, quali  forze invisibili e  quale mistero tessono  i rapporti umani? Questo è un  libro per cogliere il  senso di un litigio, di  una promessa, di un  progetto di vita, ma è soprattutto un libro che ha il valore di una provocazione a pensare, a meditare sul proprio destino, sulle occasioni della vita e sulle relazioni. Non ricette dunque, ma proposte di pensiero grazie alle quali possiamo artisticamente concepire la nostra esistenza. Leggiamo testualmente dalla prefazione dell’autore: “Sono spunti di riflessione quelli che trovi qui, niente di più. … Il loro carattere estemporaneo, non sistematico, frammentario lascia i vari quesiti aperti in tante direzioni. Sarò contento se la lettura ti sarà di stimolo per concepire pensieri ancora più belli dei miei, per rendere i tuoi rapporti con gli altri sempre più profondi…”.