Atmosfera natalizia

Proponiamo come oggetto di meditazione pre-natalizia le profonde parole di un versetto altamente significativo del Vangelo di Luca (2,14), l’annuncio dell’Angelo ai semplici pastori, che sentono nell’intimo della loro anima il manifestarsi di un evento terreno e cosmico: la nascita del Bambino Gesù.

«Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama»

Nell’ O.O. 127, Le tredici notti sante, di Rudolf Steiner – Hannover, 26 dicembre 1911 – §2, ritroviamo una riflessione sull’espressione citata dal Vangelo di Luca:

«… È come se dall’albero di Natale stesso risuonasse l’annunciazione del divino negli spazi cosmici, nelle altezze celestiali. L’essere umano può allora sentir scaturire dalla propria volontà forze di pace rassicuranti l’anima. Come ci dice la leggenda del Natale, l’annuncio risuonò quando i pastori visitarono il luogo della nascita del Bambino, la cui festività noi oggi celebriamo. Risuonò ai pastori dalle nuvole: le Potenze Divine si manifestano dagli spazi cosmici, dalle altezze celesti e portano pace rassicurante all’anima che sia colma di buona volontà».

Rielaborando la traduzione dell’ultima frase in corsivo si può ottenere:

«L’anima umana che prende la buona decisione[1] riceve pace sulla terra quale manifestazione della Gloria di Dio».

Leggendo prima il versetto tratto dal Vangelo di Luca e poi la traduzione rielaborata della frase di Steiner, si constata che nel primo l’uomo appare come puro fruitore dell’amore divino che si rivolge a lui con atteggiamento benevolo; nell’annuncio di Steiner invece le potenze divine infondono pace all’uomo nella misura in cui questi è «colmo di buona volontà», agisce di propria iniziativa per il bene.

Dalla stessa conferenza abbiamo tratto un paragrafo, l’ultimo, sull’esortazione ad attivare l’impulso volitivo.

 «Anima umana, quando sei debole, quando credi di non poter trovare le mete della tua esistenza, pensa all’origine divina dell’uomo e sii consapevole che queste forze sono dentro di te e che sono anche le forze del massimo amore. Nel loro massimo sviluppo, scorgerai in te le forze che danno fiducia e certezza a tutto il tuo agire, per tutta la tua vita, ora e nel più lontano futuro».

Integriamo con una bellissima citazione tratta da O.O. 260,  Il Convegno di Natale – 24 dicembre 1923, ore 11,15 – §7

 «Sì, questo sono io quale uomo, quale uomo sulla Terra voluto da Dio, quale uomo voluto da Dio nel Cosmo».

 

Una lettura integrale del  capitolo sulla natività del Vangelo di Luca e delle conferenze di Steiner citate, aiuteranno a farsi un’idea più ampia del valore spirituale delle parole pronunciate dall’Angelo.

 

[1] Inizio della volontà nel pensare che manifesta i suoi frutti nell’agire

Da ‘Il ritorno del Cristo oggi’ un brano della conferenza di Karlsruhe del gennaio 1910

(…) Così ci è dunque permesso di parlare del ritorno del Cristo e del fatto che ci eleviamo al Cristo nel mondo spirituale acquisendo il vedere eterico.

Il Cristo è sempre presente, ma si trova nel mondo spirituale! E noi lo possiamo raggiungere se ci eleviamo dentro quel mondo.

Tutto l’insegnamento antroposofico deve trasformarsi in noi nel forte desiderio che questo evento non passi dinanzi all’umanità senza lasciare tracce, ma che a poco a poco si formi un’umanità – nel tempo che abbiamo a disposizione – che possa essere matura a sviluppare in sé queste nuove facoltà ed in tal modo a collegarsi nuo­vamente con il Cristo.

Poiché altrimenti l’umanità dovrebbe attendere molto a lungo prima che le possa venire data un’altra volta una tale occasione. Dovrebbe attendere a lungo… fino ad una reincarnazione della Terra.

Se l’umanità ignorasse questo evento del ritorno del Cristo, la visione del Cristo nel corpo eterico resterebbe limitata a coloro che attraverso una preparazione esoterica mostrino di volersi elevare ad una simile esperienza. Ma la grandiosità del fatto che queste facoltà verrebbero conseguite per l’intera umanità, per tutti gli uomini, il fatto che questo grande avvenimento verrebbe compreso tramite le facoltà che tutti gli uomini hanno naturalmente sviluppato… ciò sarebbe impossibile per lungo, lungo tempo.

Vediamo così che nella nostra epoca vi è qualcosa che giustifica l’esistenza e l’azione della scienza dello spirito nel mondo. Ad essa non importa solamente soddisfare esigenze teoriche, curiosità scientifiche. Che la scienza dello spirito prepari gli uomini a questo evento, li prepari a porsi in modo giusto nel loro tempo e a vedere con luminosa chiarezza di intelletto e di giudizio ciò che ve­ramente è presente – ma potrebbe passare davanti agli uomini senza che essi possano farlo fruttificare –: ecco di cosa si tratta!        Rudolf Steiner

La religiosità innata del bambino

Cover Religiosita

In questo piccolo libro si parla delle tre azioni supreme che ogni essere umano compie nella vita: imparare a camminare, a parlare, a pensare. Questi gesti religiosi e divini sono il sigillo celeste che sfolgora nel bambino quando scende sulla Terra, sono lo slancio più forte per cominciare ad essere ciò che il suo Io vuole diventare e realizzare.

Le azioni primigenie dello spirito si espandono poi attraverso i primi tre settenni della vita, secondo corpo, anima e spirito. Il bambino, poi ragazzo, incontra le persone a lui legate per karma – genitori, insegnanti… – che influiscono profondamente sull’intero suo essere. Si compiono così i passi più importanti e formativi del cammino umano.